mercoledì 19 novembre 2014

BILBOLBUL 2014 E LA GIOIA DI AVER SAPUTO ATTENDERE




BilBOlbul Festival internazionale di fumetto è un progetto curato dall’Associazione culturale Hamelin dedicato al fumetto d’autore e presenta le opere di grandi artisti e di giovani talenti della scena nazionale e internazionale. BilBOlbul nasce a Bologna nel 2001 come iniziativa culturale proponendo, lungo tutto il corso dell’anno, una serie di attività sul fumetto. Questa esperienza e la rete che sviluppa costituiscono i presupposti per la realizzazione del festival, la cui prima edizione si svolge nel 2007.

Per BBB, l'anno 2014 sarà ricordato come quello dei grandi cambiamenti.
Dopo quasi diciotto mesi di preparazione, scanditi dagli appuntamenti del calendario di “Aspettando BilBOlbul”, un percorso di avvicinamento al festival partito a gennaio con Art City e il progetto Liquid Air di Mari Kanstad Johnsen e proseguito ad aprile con l’evento dedicato al maestro Katsumi Komagata all’interno della Bologna Children’s Book Fair, da giovedì 20 a domenica 23 novembre 2014 torna a Bologna l’attesissima ottava edizione del Festival.

Un’edizione rinnovata, come anticipato dalla cartolina BilBOlbul cambia pelle e come viene evidenziato anche dal nuovo logo e dalla rinnovata grafica del programma, curati da Paper Resistance, dall’immagine del festival creata da Sarah Mazzetti insieme ai video di countdown e dal nuovo sito.


BBB 2014
Sarah Mazzetti


Mai come quest’anno il Festival si interrogherà sul presente e sul futuro dell’editoria. Fin dalla sua nascita BilBOlbul Festival Internazionale di Fumetto è stato specchio di alcuni sostanziali cambiamenti nell’ambito del panorama dell’editoria per immagini, tanto significativi da arrivare a modificare le dinamiche esistenti e crearne nuove. Dato l’accelerato e vorticoso mutamento degli ultimi tempi, il Festival stesso ha dovuto ripensare obiettivi e struttura: non è più sufficiente “mostrare e condividere” le evoluzioni del fumetto e dell’illustrazione. La sfida diventa quella di trovare nuovi spazi per “realizzare” e nuove modalità per sostenere “chi realizza”. 

BilBOlbul si trasforma, quindi, nella sede privilegiata per capire come fare fumetto oggi.

L’edizione 2014 si presenta con un convegno, 36 mostre (fra programma IN e OFF), 7 produzioni editoriali ed espositive create ad hoc, 5 workshop con artisti internazionali, uno spazio interamente dedicato ai bambini

E ancora tavole rotonde, incontri, performance e molto altro…

PREFESTIVAL

19 NOVEMBRE H 17.30
LASCIARE IL SEGNO. PERCORSI NELLA MALATTIA MENTALE

INCONTRO
CAFFETTERIA DEL SÌ
con RICCARDO BARGELLINI (ATELIER BLU CAMMELLO), SILVIA FERRO e BARBARA BIZZARRO (CENTRO DIURNO LA RONDINE), ELENA MATTIOLI e FLAVIO PERAZZINI (LELEMARCOJANNI), ANDREA BRUNO, FRANCESCA GHERMANDI
interviene CATERINA NIZZOLI (GALLERIA RIZOMI)

19 NOVEMBRE H 18.30
G.I.U.D.A. V
MAPPA DEI VOLTI DELLA BOLOGNA DI FRANCESCA ALINOVI
INCONTRO
MODO INFOSHOP
con GLI AUTORI
interviene FABIOLA NALDI

19 NOVEMBRE H 18.30
GLI OSCURI SENTIERI DEL GRAPHIC NOVEL TRA FRANCIA E ITALIA
INCONTRO

CAFFÈ LETTERARIO - RAVENNA
con DAVID B.
interviene MATTEO CAVEZZALI
in collaborazione con ASSOCIAZIONE ONNIVORO

19 NOVEMBRE H 21
LA STORIA DELL'ORSO
INCONTRO
MODO INFOSHOP
con STEFANO RICCI
interviene ANKE FEUCHTENBERGER


FESTIVAL

FARE FUMETTO OGGI: IL CONVEGNO "EDITORIA SENZA EDITORI? PUBBLICARE FUMETTI OGGI"

BilBOlbul, in collaborazione con Fumettologica, apre il 20 novembre con un convegno, ospitato al MAMbo - Museo d’Arte Moderna di Bologna (Sala Conferenze dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 17.30), dal titolo “Editoria senza editori? Pubblicare fumetti oggi”. 

Logorata dalla crisi economica e incerta nel reagire alle sfide della rivoluzione digitale, l’industria editoriale scricchiola e si prepara a nuove mutazioni. E così pubblicare fumetti pone oggi questioni specifiche, a cominciare dalla fragilità della nicchia di mercato, a volte imprudentemente esaltata, e dal rischio di estinzione di una bibliodiversità interna al settore.

Per questo l’avvio del Festival è segnato da una GIORNATA DI STUDIO: per fare il punto, realizzare una mappatura della produzione editoriale a fumetti, studiare le problematiche e DELINEARE UN ORIZZONTE DI POSSIBILITÀ PER LE NUOVE GENERAZIONI di addetti ai lavori e di artisti. Partendo dai dati, allargando all’analisi del panorama, interrogando le più importanti realtà editoriali italiane e conoscendo le nuove leve che si affacciano sul mercato, questo convegno cercherà di fare chiarezza per contribuire all’invenzione di UN NUOVO MODO DI ESSERE EDITORI.

Fra gli ospiti: Matteo Stefanelli (Fumettologica), Ratigher, Tuono Pettinato, Edo Chieregato (Canicola), Gianluca Costantini (Giuda), Silvana Ghersetti (Grrrz Comic Art Books), Federico Zaghis (Becco giallo), Michele Foschini (Bao Publishing), Daniele Brolli (Comma 22), Bianca Bagnarelli (Delebile) e Silvia Rocchi (La Trama).

FARE FUMETTO OGGI: BBBLab

Una nuova sezione di BilBOlbul, che vuole configurarsi come un laboratorio aperto, una possibilità di scambio e crescita professionale, particolarmente importante per chiunque operi nei settori dell’illustrazione, del fumetto, della grafica e dell’editoria, ma dedicata in particolar modo ai giovani talenti emergenti e agli autori che si affacciano alla realtà dell’editoria contemporanea.

Tre sono le parti in cui BBBLab si articola.

1) 3 TAVOLE ROTONDE, presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna, SUI TEMI E GLI ASPETTI PIÙ ATTUALI DELLA PRODUZIONE CONTEMPORANEA.

ESPERTI, GIOVANI AUTORI E GRANDI MAESTRI si confrontano su: 

- la riscoperta e le ragioni di un ritorno alle TECNICHE TRADIZIONALI DI STAMPA (serigrafia, xilografia, risograph) e le loro potenzialità espressive oggi (21 novembre, dalle 10 alle 13)

- il CROWDFUNDING e le nuove modalità di finanziamento dal basso con cui si stanno sostenendo alcuni dei progetti di self publishing (21 novembre, dalle 14 alle 17); 

- infine L’AUTOPRODUZIONE e le possibilità che la produzione alternativa può offrire, le difficoltà e i limiti (23 novembre, dalle 10 alle 13).

2) 5 WORKSHOP per giovani artisti, in collaborazione con Ateliersì e Bottega Finzioni

Sono aperte le iscrizioni ai workshop organizzati in collaborazione con Ateliersì e Bottega Finzioni. Cinque laboratori durante i quali i partecipanti potranno confrontarsi e lavorare con alcuni tra i maggiori esponenti del fumetto e dell’illustrazione contemporanei.

Maggiori informazioni qui.

Dopo ARCHITETTURE DI CARTA (15-16 novembre) con Icinori e ILLUSTRARE LA POESIA (17-18 novembre) con Manuele Fior:

CROCEVIA PER L'INTERNO
ATELIER Sì
corso di 12 ore
19~20 novembre
Orari 10-13 / 14-17

Paolo Bacilieri è una delle voci più originali e innovative del fumetto italiano, un autore in grado di spaziare dal fumetto di ricerca alla dimensione del seriale ma sempre affermando la propria traccia stilistica. Per il laboratorio tenuto in occasione di BilBOlbul 2014, indaga metodologia e pratica del racconto breve a fumetti, e attraverso l’analisi di esempi positivi e non, accompagna i partecipanti nella creazione di una breve storia autoconclusiva.
I corsi sono rivolti ad aspiranti illustratori, appassionati, a chi opera nei settori dell’illustrazione, del fumetto, della grafica, dell’editoria. I workshop si svolgono a Bologna e sono aperti a un massimo di 20 partecipanti.

ASSOCIAZIONE DI IDEE
BOTTEGA FINZIONI
corso di 12 ore
19~20 novembre

Orari 10-13 / 14-17

Alessandro Tota propone un percorso per capire i complessi meccanismi che regolano il rapporto tra testo e immagine nel medium fumetto, indagando i percorsi meno battuti nell’associazione tra i due elementi. Attraverso l’analisi del lavoro di alcuni grandi maestri della narrazione per immagini e la produzione di un piccolo volume a fumetti, i partecipanti sperimenteranno nuovi modi di usare questo linguaggio, ancora in gran parte inesplorato.

FUMETTI IMPREVISTI
ATELIER SÌ
corso di 12 ore
21~22 novembre
Orari 10-13 / 14.00-17.00

Roman Muradov è una delle voci più interessanti del giovane fumetto americano: le sue illustrazioni e i suoi fumetti sono stati pubblicati da “New Yorker”, “New York Times”, “Wall Street Journal”, Penguin, Nobrow e molti altri. L’autore propone un percorso per esplorare i confini del linguaggio fumetto. Un viaggio alla scoperta dei processi creativi che portano alla costruzione di una storia, dove i vincoli diventano uno stimolo per la creatività.
I corsi sono rivolti ad aspiranti illustratori, appassionati, a chi opera nei settori dell’illustrazione, del fumetto, della grafica, dell’editoria. I workshop si svolgono a Bologna e sono aperti a un massimo di 20 partecipanti.

3) 3 INCONTRI CON EDITOR – PORTFOLIO REVIEW 

Sabato 22 novembre BilBOlbul dà la possibilità di confrontarsi con un giudizio specialistico sul proprio percorso professionale, durante un incontro individuale con tre personalità del mondo editoriale italiano ed internazionale:

Alexandra Zsigmond, The New York Times
Michele Foschini, Bao Publishing
Maurizio Ceccato, Watt Magazine

Il festival ha effettuato una preselezione dei portfolio ricevuti entro il 14 novembre per dare la possibilità ai selezionati di incontrare il migliore interlocutore per il loro lavoro.

NELLA TESTA DELL’ARTISTA: progetti che raccontano processi creativi

MOSTRA

L'INTERVISTA.
STORIA DI UN FUMETTO

21 NOVEMBRE - 11 GENNAIO
MAMbo
Inaugurazione 20 novembre ~ h 18.30
In collaborazione con Istituzione Bologna Musei | MAMbo

Come nasce un fumetto? Qual è il processo che porta dalla prima idea al graphic novel completo? Quanto tempo passa dal primo appunto all’opera finita? Indagare il mestiere, scoprire il dietro le quinte dell’opera ed esplorare il processo creativo e produttivo che ha portato alla luce qualcosa di già esistente.

Questo è il percorso che porta a L'intervista. Storia di un fumetto, di MANUELE FIOR

La mostra, che segna il primo ingresso del Festival al MAMbo - Museo d'Arte Moderna di Bologna, ricostruisce il percorso creativo durato ben tre anni che ha portato alla creazione di un libro importante come L’intervista (Coconino Press, 2011). La voce dello stesso Fior ci accompagnerà tra appunti e flash creativi, disegni e citazioni, esitazioni e il bellissimo esito finale. Manuele Fior ha anche firmato la collaborazione fra BilBOlbul e Bologna Jazz Festival, disegnando la Bologna Jazz Card. 

Manuele Fior nasce a Cesena nel 1975. Nel 1994 vince il primo premio alla Bienal do Juvenes Criadores do mediteraneo di Lisbona, settore fumetto. Dopo la laurea in Architettura a Venezia nel 2000, si trasferisce a Berlino, dove lavora fino al 2005 come fumettista, illustratore e architetto. La collaborazione con l’editore tedesco Avant-Verlag comincia nel 2001 con la rivista “Plaque”. Da allora inizia una fitta produzione di storie corte a fumetti scritte dal fratello Daniele, apparse su “Black”, “Bile Noire”, “Stripburger“, “Forresten”, “Osmosa“. Nel 2005 si trasferisce prima a Oslo e quindi a Parigi, dove ancora risiede. Ha pubblicato le graphic novel L’Intervista - Coconino Press 2013 (Premio Attilio Micheluzzi, Miglior Fumetto, Comicon 2014), Cinquemila Chilometri Al Secondo - Coconino Press 2010 (Fauve d’Or – Miglior Album – Festival Internazionale di Angoulême 2011, Premio Gran Guinigi – Autore Unico, Lucca 2010), La Signorina Else - tratta dal romanzo di A. Schnitzler – Coconino Press 2009 (Prix de la ville de Genève 2009), Rosso Oltremare – Coconino Press 2006 (Premio Attilio Micheluzzi, Miglior Disegno per un Romanzo Grafico, Comicon 2006), Les Gens le Dimanche – Atrabile 2004. 

Come illustratore ha collaborato con “The New Yorker”, “Le Monde”, “Vanity Fair”, Feltrinelli, Einaudi, “Sole 24 Ore”, Edizioni EL, Fabbri, “Internazionale”, Il Manifesto, “Rolling Stone Magazine”, Les Inrocks, Nathan, Bayard, Far East Festival.





MOSTRA

FUMETTO 
ISTRUZIONI PER L'USO

21 NOVEMBRE - 12 DICEMBRE
ZOO
Inaugurazione 21 novembre ~ h20
In collaborazione con ZOO

Dagli Stati Uniti arriva ROMAN MURADOV, per la prima volta in Italia con Fumetto, istruzioni per l'uso: un’opportunità unica per scoprire un autore dal segno elegante e dal gusto raffinato, ricco di molteplici e ricercati riferimenti culturali, e riflettere sul ruolo e la funzione dell’artista. 
In Italia le sue storie sono apparse in antologie di DELEBILE e TEIERA, mentre RETINA ha pubblicato una raccolta dei suoi racconti brevi da “The Yellow Zine”. 

Roman Muradov
 è un illustratore e fumettista russo, che vive a San Francisco. Ha pubblicato illustrazioni editoriali per "New Yorker", "New York Times", "Wall Street Journal", Penguin, Random House, "Vogue", "Time", e molti altri. Da cinque anni ha iniziato a pubblicare una fanzine autoprodotta e completamente disegnata da lui stesso, di nome "The Yellow Zine". La sua prima graphic novel Picnic Ruined è comparsa nell’autunno 2013 da Retrofit Comics, mentre a settembre 2014 è stato pubblicato da Nobrow (In A Sense) Lost & Found. In Italia sono comparsi sue storie in antologie di Teiera e Delebile, mentre Retina ha pubblicato una raccolta dei suoi racconti brevi tratti da "The Yellow Zine".






Con l’obiettivo di approfondire l’opera di alcuni grandi maestri prosegue la collaborazione di BilBOlbul con Scuola di Lettere e Beni Culturali dell’Università degli Studi di Bologna. 

CROCICCHI è il titolo di 5 LECTIO MAGISTRALIS su i grandi maestri del disegno contemporaneo: 

- Anouk Ricard con "Anna e Froga, Fare Fumetto per bambini" 
(21 novembre, h.10.30, Biblioteca Renzo Renzi); 

- Volker Pfüller con "Lubok per tutti" 
(21 novembre, h.15.00, Accademia di Belle Arti di Bologna - Aula Magna); 

- Studiolo Icinori con "Icinori" 
(22 novembre, h.11.00 Biblioteca Salaborsa - Auditorium); 

- Manuele Fior "I film della mia vita" 
(22 novembre, h.14.00, Cinema Lumiere); 

- Paolo Bacilieri, Stefano Bartezzaghi con "Parole crociate e persone disegnate" 
(23 novembre, h.11.00, Biblioteca Salaborsa - Auditorium). 

In collaborazione con Goethe Institut, Institut Français - Ambassade de France, Alliance Française.

UN FESTIVAL DI PRODUZIONI

SONO 7 LE PRODUZIONI EDITORIALI, affiancate da altrettante mostre, che caratterizzano questa edizione di BilBOlbul, all’insegna dell’incrocio fra i diversi linguaggi dell’immagine e della promozione dei più interessanti disegnatori internazionali.

1. Ai confini del disegno: la contaminazione tra fumetto e illustrazione

Nel panorama del fumetto contemporaneo sono sempre di più le realtà che esplorano ogni volta con maggiore libertà il territorio del disegno, muovendosi sul crinale fra illustrazione e fumetto.

MOSTRA

STUDIOLO ICINORI

21 NOVEMBRE ~ 6 GENNAIO 

(Chiuso il 24-25 dicembre e 1 gennaio)
MUSEO DI PALAZZO POGGI
Inaugurazione 22 novembre ~ h14
In collaborazione con Institut Français Italia - Ambasciata di Francia e Alliance Française Bologne


Il duo di illustratori Icinori è invitato a Bologna per confrontarsi con la collezione dedicata al naturalista Ulisse Aldrovandi (1522-1605). Il grande esploratore, botanico ed entomologo bolognese fu anche uno dei primi fondatori di un museo di storia naturale, ora ospitato nelle sale di Palazzo Poggi a Bologna.

Durante la residenza artistica partita pochi giorni prima dell’inizio del festival, Icinori, in un intreccio che unisce la scienza all’arte, si ispirerà alle tavole acquerellate di Aldrovandi, riflettendo sui suoi mostri umani e sui suoi animali fantastici.

Icinori è noto per le serigrafie fantastiche e iperdettagliate, capaci di farci perdere in mondi immaginari che però racchiudono figure sempre riconoscibili: piccoli uomini, orsi, robot e diavoli. Continua quindi il suo percorso che ha già toccato i temi dell’esplorazione naturalistica (Explorer, 2013), in un dialogo serrato, questa volta, con le riflessioni, gli studi e le immaginazioni di un medico naturalista di cinque secoli fa.


Icinori è un progetto che riunisce i due disegnatori, editori e stampatori Raphael Urwiller e Mayumi Otero. Maestri nell’arte della serigrafia e del pop up, sono noti in Italia per le pubblicazioni di Orecchio Acerbo (“Issun Boshi” 2014, “Jabberwocky" di Lewis Carroll, 2012 pubblicati in Italia da Orecchio acerbo) e si sono distinti in ambito internazionale per la sperimentazione e l’innovazione portata al libro illustrato per bambini. Hanno collaborato con Le Monde, New York Times e importanti musei, a cui ora si aggiunge Palazzo Poggi a Bologna.

Presso il bookshop di Bilbolbul. Festival internazionale di fumetto - e da lunedì 24 novembre scrivendo a Else Edizioni (else.edizioni@gmail.com) - sarà disponibile "PAPER TOYS", la cartella di sei tavole a tre colori serigrafici, realizzate da Icinori, durante la residenza al festival (http://bit.ly/1yWJxMw)
Il risultato è un raffinato oggetto in cui le illustrazioni sono vere e proprie fantasmagorie che compongono figure, scenari, battaglie e antichi strumenti ottici. Come il fenachistoscopio, che consente di visualizzare immagini animate.










MOSTRA

DOLORES

21 NOVEMBRE ~ 19 DICEMBRE
Museo delle Cere Anatomiche "Luigi Cattaneo"
Inaugurazione 22 novembre - h 18
A cura di ZOOO/PRINT&PRESS

Da un’altra residenza artistica in un museo nasce Dolores, esposizione di PAPER RESISTANCE, JAMES KALINDA, SCARFUL E DANIEL MUNCH. Quattro disegnatori provenienti dal mondo underground e della street art espongono le loro “riflessioni a disegni” su corpo e malattia, mostrate alle cere anatomiche nelle teche del museo. 
Il Museo delle Cere Anatomiche di Bologna è un fiore all’occhiello dello studio anatomico tra Settecento e Ottocento, e raccoglie una collezione di anatomia umana normale e patologica tra le più interessanti e stupefacenti d’Italia.
I quattro disegnatori rifletteranno sulla malattia e sul modo in cui incide su forme e lineamenti del nostro corpo, arrivando alla produzione di un libro pensato appositamente per essere stampato durante i giorni del festival, le cui tavole saranno poi esposte, in un gioco di specchi e rimandi, all’interno delle teche del museo, accanto alle cere anatomiche che normalmente vi sono ospitate.
Insieme alla mostra nascerà anche un libro che verrà stampato per BilBOlbul 2014.

Daniel Muñoz "SAN" (Morale, Cáceres 1980) inizia il sua percorso nei primi anni novanta dipingendo sui muri della sua città natale. Dopo diversi anni di attività da autodidatta incentrata esclusivamente sulla pittura murale, nel 1997 decide di intraprendere la laurea artistica nella città di Cáceres per poi nel 2000 trasferirsi a Madrid per iniziare gli studi presso la Facoltà di Belle Arti dell'Università Complutense. Durante i primi anni nella capitale spagnola fa le sue prime mostre alternandole a interventi murali in molte città, sia in Spagna che in Europa. Fin dall'inizio il suo stile è stato di impronta marcatamente figurativa, utilizzando esclusivamente lo spazio pubblico come un mezzo per veicolare il proprio lavoro, rendendo riconoscibili i suoi messaggi a quante più persone possibile, senza nessuna discriminazione socio-culturale. Il suo linguaggio è composto da simboli e codici che creano una lettura attenta tra la narrazione della pittura classica e le teorie sociologiche dell'arte contemporanea. Tutte le sue opere ci costringono a interpretazioni diverse e confuse, nonostante rappresentino fatti e aneddoti quotidiani basati sugli argomenti più comuni. Negli ultimi anni ha realizzato numerose mostre e interventi in spazi pubblici in Europa, Nord America, Sud America, Asia, Russia e Medio Oriente. In particolare ha esposto in alcuni spazi come: Luis Adelantado Gallery di Valencia, CEART (Fuenlabrada), Le Gogna (Niort - Francia) o la National Gallery of Art di Amman (Giordania). Il suo lavoro è stato pubblicato in diversi libri e pubblicazioni artistiche. 

James Kalinda vive sui monti dell'Appennino reggiano. È un tatuatore. Dipinge con ogni tecnica su tele e muri. Dipinge con il fucsia e il nero. James Kalinda firma i suoi disegni con un fumetto nero. Mette al centro delle sue rappresentazioni gli esseri umani mentre la desolazione dei luoghi abbandonati, come case e fabbricati, è il paesaggio tipico di cui si nutre la sua creatività. Il suo lavoro ha un forte legame anche con la natura e le sue deformazione. I temi ricorrenti nei suoi lavori sono la vita e la morte. 

Paper Resistance, autore che si muove tra illustrazione, grafica, editoria e interventi in spazi pubblici, inizia la sua produzione nel 2001. Il suo stile, riconoscibilissimo, è dominato da una predilezione per l’assenza di campiture di colore, oltre che da un segno lineare, pulito e netto, attraverso il quale è in grado di delineare, con incisive e stranianti associazioni basate sul paradosso, le contraddizioni della contemporaneità, in una beffarda critica socio-politica spesso espressa attraverso una dissimulazione dei significati. Paper Resistance è stato tra i fondatori del collettivo inguine.net e dell’omonima rivista "inguine mah!gazine". È attualmente uno degli animatori di Original Cultures. Fa inoltre parte di ZOOO/Print&Press, collettivo di illustratori dedito alla produzione e stampa di pubblicazioni, che comprende alcuni tra i più importanti nomi della street art e del fumetto. I suoi lavori sono stati pubblicati su varie riviste e fanzine, sia italiane che estere. Frequentemente le sue illustrazioni sono state utilizzate per produzioni discografiche, poster di concerti e manifestazioni di carattere culturale. La sua ultima raccolta di lavori si intitola "Vertigo". Ha realizzato diversi interventi in spazi pubblici. Nel 2011, nell’ambito di BilBolBul, insieme all’associazione Hamelin, realizza "Io sono qui" (www.io-sono-qui.org), composito progetto sul carcere minorile P. Siciliani di Bologna che ha previsto, tra le altre cose, un’installazione affissa sui muri esterni dell’istituto. Vive a Bologna. 

Scarful (pseudonimo di Alessandro Maida) è nato nel 1968 ed è un artista e designer romano. Ha creato il collettivo Hateful Graphic Vandals collective (1995) insieme ad altri artisti della scena romana. È un membro del gruppo WHY STYLE, insieme con gli artisti Joe, Nico, Pane e Stand. Ha esposto in molte gallerie di Roma, all’Auditorium Parco della Musica e al MADRE di Napoli. Ha curato l’artwork di band come Zu, Antiyou, Truceklan, Dimension X, Ius Primae Noctis, Ardecore e molti altri e continua a collaborare come direttore artistico com molte agenzie di comunicazione italiane. Ha lavorato per Beams-T Japan, VNGRD, Carhartt, Nike Streetwear and SlamTrick. La sua ultima raccolta di lavori si intitola "NO JOY" ed è stata pubblicata da ZOOO/Print&Press. 






MOSTRA

LUBOK PER TUTTI

22 NOVEMBRE ~ 11 DICEMBRE
SQUADRO STAMPERIA GALLERIA D'ARTE
Inaugurazione 22 novembre ~ h19.30
A cura di Squadro Stamperia Galleria d’Arte
In collaborazione con Goethe-Institut Italien, Goethe-Zentrum Bologna


OLKER PFÜLLER, classe 1939, grande maestro dell’illustrazione, soprattutto dell’arte dei manifesti per il teatro, e insegnante di una intera generazione di fumettisti tedeschi, è dedicata l’esposizione Lubok per tutti, titolo che fa riferimento alla parola russa che designa le stampe popolari e propone una riflessione sul rapporto di Pfuller con le tecniche tradizionali di stampa.

Nato a Lipsia nel 1939 ha studiato alla scuola di arti applicate Berlin-Oberschöneweide, alla scuola d’arte di Berlino Weißensee e ha lavorato come grafico freelance. Inizialmente uno dei più conosciuti grafici di poster della Germania dell’Est ha in seguito esteso la sua fama all’intera Repubblica Federale. Ponendosi sulla scia di una tradizione rappresentata specialmente da Jo Steiner (1877-1935), Pfüller è stato un pioniere soprattutto nel suo lavoro per le locandine degli spettacoli teatrali. Pfüller ha illustrato anche diversi libri per l’infanzia e la casa editrice d’arte Lubok ha pubblicato alcuni pregiati volumi di sue immagini stampate in serigrafia. Nel 1990 si è fatto carico del coordinamento del dipartimento di scenografia alla scuola d’arte Berlin Weißensee e nel 1992 è stato nominato professore nella stessa scuola. Dal 1997 al 2005 è stato professore di illustrazione alla Hochschule für Grafik und Buchkunst – Academy of Visual Arts a Lipsia. Come scenografo ha lavorato per molti teatri di Berlino e della Germania, ma anche in Israele e in Italia. Ha avuto numerose esposizioni personali e collettive in Germania e all’estero, e vinto molti premi come grafico d’arte e scenografo. Dal 1996 è membro dell’ Alliance Graphique Internationale (AGI).






MOSTRA

BENDATA DI STELLE

GALLERIA FREAK ANDO’

21- 29 NOVEMBRE

INUIT BOOKSHOP
30 NOVEMBRE -15 GENNAIO

Inaugurazione 21 novembre - h 17.30
A cura di Inuit Editions
In collaborazione con Festival La violenza illustrata
Promossa da Centro delle donne Città di Bologna - Biblioteca italiana delle Donne, Associazione Orlando





Ancora una mostra e un libro in dialogo tra loro: a cura di Inuit Editions, Bendata di Stelle ) è un libro che ELISA TALENTINO ha disegnato a partire da un racconto di Luisa Pellegrino sulle relazioni che ci segnano il corpo. 

Da quando stava con Sandro si era ricucita un orecchio, un dito, un piede, una mano, un seno addirittura. Ma era diventata così brava che non si vedevano a occhio nudo tutte quelle cuciture e aveva trovato un filo proprio del colore della pelle.

Elisa Talentino riflette sulle cuciture, i fili tagliati, i ricami e le toppe di cui ci costellano il corpo le relazioni che viviamo. Un libro stampato interamente in risograph con sovracoperta serigrafata. Il libro sarà curato, stampato e prodotto da Inuit Editions.
In mostra saranno esposte le serigrafie tratte dal libro.

Elisa Talentino, dopo essersi diplomata in pittura all’Accademia di Belle Arti di Torino, nel 2009 ha fondato lo studio artistico-tipografico Inamorarti con il grafico e serigrafo Paolo Berra. Il suo ultimo progetto il libro d’arte Le Jardin d'hiver, stampato e illustrato interamente da lei, è stato pubblicato nel novembre 2013 da Print About Me. 
Dal 2010 insegna serigrafia nelle scuole e allo studio Inamorarti. 

Luisa Pellegrino è nata nel 1983 a Cuneo, ha un dottorato in letteratura postcoloniale inglese, scrive per riviste letterarie e traduce di tanto in tanto. Vive a Torino dove lavora a un progetto di colazioni a domicilio che si chiama Pilou.






2. La contaminazione fra il panorama nazionale e quello internazionale

MOSTRA

L’Associazione Culturale e casa editrice indipendente Canicola continua il suo impegno nel portare in Italia gli esiti della ricerca nei campi del fumetto e dell’illustrazione in Europa e nel mondo, e questa volta si concentra sulla nuova scuola tedesca. Durante i giorni del festival sarà disponibile il nuovo numero della rivista, dedicato questa volta a una selezione inedita di giovani autori tedeschi, in grado di impastare le loro opere fondendo e contaminando il fumetto con influenze da illustrazione, grafica, moda, design: Aisha Franz, Jul Gordon, Sophia Martineck, Paul Paetzel, Josephin Ritschel, Maria Sulymenko, Anne Vagt. 

La mostra CANICOLA GERMANIA si suddividerà in due sedi espositive.

21 NOVEMBRE - 21 DICEMBRE
Museo Internazionale e Biblioteca della Musica
Inaugurazione 21 novembre ~ h 18
A cura di Canicola
In collaborazione con Goethe-Institut Italien


Il Museo della Musica proporrà le opere dei sette autori contenuti nell’antologia, offrendo la possibilità di osservare la distanza che divide la ricerca dei giovani autori tedeschi AISHA FRANZJUL GORDONSOPHIA MARTINECKPAUL PAETZEL,  JOSEPHIN RITSCHELMARIA SULYMENKOANNE VAGT da quella degli autori delle generazioni precedenti, come Anke Feuchtenberger, Henning Wagenbreth, Martin Tom Dieck, Atak, e lo stesso Volker Pfüller (in mostra a Squadro Galleria Stamperia d’Arte durante questa edizione del festival). 

La nuova scuola tedesca si confronta con il passato, in una dimensione vintage che mescola recupero di materiale e tecniche di stampa, ed è allo stesso tempo assolutamente consapevole delle nuove opportunità della tecnologia e della comunicazione, riuscendo a portare nelle storie una ventata di ironia, freschezza e positività. 

Aisha Franz 
(Fürth, 1984) ha studiato illustrazione e fumetto con Hendrik Dorgathen alla Kunsthochschule di Kassel. Ha pubblicato su riviste e antologie internazionali tra cui kuš!, Special Comix, Orang, Kuti Kuti e Strapazin. Nel 2011 esce il romanzo a fumetti Alien (Reprodukt), tradotto anche in Francia, Italia, Spagna (Ça et la 2012; Canicola 2012; La Cùpula 2014), e nel 2012 Brigitte und der Perlenhort (Reprodukt). Del 2013 è l’autoproduzione Rhythm 'n paradise (My own press, 2013). E’ tra i fondatori del collettivo The Treasure-Fleet, vive a Berlino. 

Jul Gordon (Lüneburg, 1982) ha studiato illustrazione alla University of Applied Sciences di Amburgo, dove risiede. Lavora come fumettista e illustratrice, e sperimenta con l’animazione. I suoi lavori sono apparsi su Orang, Le Monde Diplomatique e Strapazin. I suoi libri sono: Kontaktcenter (Tiny Masters, 2014), T-23022010 (autoproduzione, 2010), e Candie Coloured Clown (Mami Verlag, 2008). 

Sophia Martineck (Naumburg,1981) è illustratrice, designer e fumettista e vive a Berlino. Ha studiato Comunicazione e Illustrazione a Berlino, New York e Liverpool. Ha pubblicato su riviste e antologie internazionali quali The New York Times, Bloomberg Businessweek, Le Monde, The Guardian, The exquisite book, The where the Why and the How, Delebile. Nel 2012 esce il suo primo libro Hühner, Porno, Schlägerei – Deutsche Dorfgeschichten (Avant-Verlag), nel 2013 illustra Die Fliege di Katherine Mansfield per l’editore Büchergilde Gutenberg. Fa parte del collettivo Spring con cui ha pubblicato nell’antologia omonima. 

Paul Paetzel (Berlino, 1984) è illustratore e fumettista e vive a Berlino. Fa parte del collettivo Édition Biografiktion, che ha fondato con Ana Albero e Till Hafebrack nel 2008, e di cui è uscito il volume Biografiktion (Nobrow, 2013). Ha pubblicato su antologie internazionali come Strapazin, Orang, Nobrow, kuš!, Kuti Kuti, Gang Bang Bong, Dopututto, Black Eye. Dal 2009 al 2014 pubblica le autoproduzioni Die geschichte von rudolf, Bela lugosi, Das kaufhaus, Zuse z4, Schurkensalat, Key-man, Mein freund seb, Botero on ponto nero (su Re:Surgo!). 

Josephin Ritschel (Potsdam, 1986), fa parte del collettivo The Treasure Fleet. Ha autoprodotto gli albi The X-Files (2011), Solitude (2012, Canicola 2014), Oasis 1 (2013), Qualm (su testi di Paulin Ritschel, 2014) e Grandma Moses in Doses (2014) pubblicato su Re:Surgo e Canicola Germania. Il suo lavoro è apparso su Wrap, Nobrow, Strapazin, Le Petit Neant, lllustration Next (Thames&Hudson), The Man who knew it all, The New York Times, The Who, The What, and The When (Chronicle Books), Nyctalope. Vive a Berlino. 

Maria Sulymenko (Kiew, 1981), vive in Germania dal 2001. Ha studiato scultura all’Accademia di Stoccarda e poi pittura e illustrazione all’Hochschue für Gestaltung di Offenbach. Il suo lavoro è apparso su Le Monde Diplomatique, Sushi, Generalist. Fa parte del collettivo BAM-BAM-Collective di giovani disegnatori da Offenbach, Berlino e Lipsia. Ha autoprodotto l'albo Der Andere (2012). Vive a Berlino. 

Anne Vagt (Luebeck,1978) vive ad Amburgo. Dopo gli studi alla University of Applied Sciences Hamburg e al Minneapolis College of Art and Design, ha lavorato come illustratrice per The New York Times, Die ZEIT, Der Spiegel, Kinki Magazine, Strapazin, Designers Digest. Dal 2009 fa parte del collettivo Spring. Ha realizzato le autoproduzioni Beginners (Extrapool, Nijmegen 2013), Pierrot verreist (Shake Your Tree Edition, Berlin 2012). Ha esposto ad Amburgo, Chicago, Miami, Berlino, Tokyo, Shanghai.








MOSTRA

CERCHI, LINEE E SOFà

21 NOVEMBRE ~ 19 DICEMBRE
SPAZIO&
Inaugurazione 21 novembre ~ h18.30
A cura di Canicola Edizioni

In collaborazione con Goethe-Institut Italien


Canicola Edizioni propone a Spazio&; una mostra satellite dell’antologica Canicola Germania al Museo della Musica, con un focus sul lavoro di Josephin Ritsche e Anne Vagt. Lo spettatore potrà approfondire il loro lavoro, dopo aver visto in mostra al Museo della Musica le opere prodotte per la rivista Canicola, e ammirare un progetto di produzione a quattro mani pensato espressamente per il festival. Josephin Ritschel propone immagini iperdettagliate che fondono ispirazioni pop in visioni che a tratti ricordano le atmosfere di alcuni sogni ambigui e inquietanti; e Anne Vagt porta avanti una ricerca sintetica sull’illustrazione, ispirata alla grafica pubblicitaria e editoriale, scaldata con colori e tratti consapevolmente naif.


MOSTRA

ANNA VAGT/ LA PORTA DEL Sì
ATELIER SÌ

Inaugurazione 21 novembre ~ h 20.30
In collaborazione con Goethe-Institut Italien e Atelier Sì


Il segno di ANNE VAGT inoltre firma la collaborazione con il collettivo di produzione artistica ATELIERSì e il rinnovato spazio di via San Vitale 69, per cui l’autrice realizzerà la decorazione della Porta d'ingresso


Una nuova porta per indicare anche visivamente l’ingresso a un nuovo progetto: quello di Atelier Sì, il nome assunto nell’agosto 2013 dal nucleo produttivo e artistico della compagnia teatrale Teatrino Clandestino. Un luogo, in via San Vitale 69 a Bologna, che diventa sede di un collettivo di produzione artistica, che “produce arte, crea cultura, diffonde pensieri, inventa atmosfere, ospita artisti, accoglie visioni”.
Anne Vagt, artista ospite di BilBOlbul, dipingerà durante i giorni del festival la porta d’ingresso di Atelier Sì. Illustratrice tedesca, Anne Vagt porta avanti una ricerca sintetica, ispirata alla grafica pubblicitaria ed editoriale e scaldata con colori e tratti consapevolmente naif. Il suo lavoro è stato esposto in patria e all’estero e comparirà per la prima volta in Italia nell’antologia Canicola Germania (Canicola Edizioni, 2014) in uscita durante i giorni del festival e nell’antologica al Museo della Musica. Allo Spazio& una mostra monografica dedicata ai suoi lavori (insieme a quelli di Josephin Ritschel).










MOSTRA

FRAGILE

21 NOVEMBRE ~ 14 DICEMBRE
VILLA LIPPARINI
Inaugurazione 21 novembre ~ h19
A cura di Delebile Edizioni
In collaborazione con WBI Wallonie-Bruxelles International


Fragile di MAX DE RADIGUÈS e CHARLES FORSMAN  è un’altra pubblicazione speciale e completata da una mostra. I giovanissimi disegnatori, il belga de Radiguès e l’americano Forsman, sebbene lontani geograficamente sono accomunati dalla linea fragile, dai temi trattati e dalla capacità di rappresentare il tempo indefinito dell’adolescenza, chiuso e dilatato insieme. La mostra è curata da DELEBILE EDIZIONI, etichetta indipendente che in occasione di BilBOlBul 2014 pubblicherà il libro a fumetti scritto e disegnato a quattro mani dai due autori. In collaborazione con WBI Wallonie-Bruxelles International.

Max de Radiguès (Belgio, 1982) diplomato nel 2004 alla Scuola Saint Luc di Bruxelles, è un giovane e talentuoso autore di fumetti per ragazzi e per adulti, i suoi libri sono stati pubblicati da Sarbacane, Six Pieds sous Terre, Delcourt e la belga L’employé du moi, casa editrice per la quale de Radiguès lavora. 

Charles Forsman (Pennsylvania, USA, 1982), si è diplomato nel 2008 al Center for Cartoon Studies di White River Junction, Vermont. Tra volte vincitore agli Ignatz award, nelle categorie minicomic, miglior serie, miglior fumetto, è considerato uno dei maggiori talenti della nuova scena indipendente americana. 
Vive ad Hancock, MA, dove si occupa di Oily comics, la piccolissima casa editrice da lui fondata. 

Dopo il loro primo incontro nel 2009 presso il Center for Cartoon Studies, Forsman e de Radiguès collaborano regolarmente, promuovendo e pubblicando l’uno i fumetti dell’altro.






MOSTRA 


WAITING FOR TEIERA

18 - 23 NOVEMBRE 
Incontro con gli autori 23 novembre - h17 
Salaborsa ragazzi - Sala adolescenti 
A cura di Teiera

ROMAN MURADOV (già in mostra presso ZOO) sarà protagonista insieme al gruppo di TEIERA del progetto “Waiting For Teiera” in cui sarà possibile osservare quotidianamente l’avanzamento di un processo creativo che porterà all’autoproduzione Limbos l’ultimo giorno del Festival.

L’autoproduzione Teiera produrrà e confezionerà durante il festival il libro in risograph con copertina serigrafata, collaborando per la stampa con CORPOC (Bergamo) e Inuit (Bologna). All’interno quattro storie delle tre componenti dell’auto produzione (Sarah Mazzetti, Giulia Sagramola, Cristina Spanò) e di Roman Muradov, autore russo-americano, invitato per l’occasione al festival. I quattro artisti rifletteranno sull’idea di limbo, in diretta relazione con il concetto di attesa che è invece al centro del più recente lavoro Waiting Rooms
I materiali e l’intero processo di creazione di questa nuova autoproduzione saranno esposti giorno per giorno in Salaborsa, in collaborazione con Anonima Impressori.

La mostra Waiting for Teiera vuole così mostrare al pubblico il processo di autoproduzione di un libro, dall’ideazione alla creazione, dalla stampa alla rilegatura. E finalmente… a fine festival si potrà festeggiare l’arrivo della nuova produzione Teiera insieme agli autori! Seguite la lavorazione sul blog di BilBOlbul.

Teiera è una etichetta di autoproduzioni dal 2010, curata da Cristina Spanò, Giulia Sagramola e Sarah Mazzetti. Nasce dalla voglia di divertirsi a realizzare libri insieme, di pensare progetti indipendenti e di coinvolgere autori stimati, promuovendo il loro lavoro in Italia e all’estero. Partendo dalla produzione di libretti monografici, fotocopiati e rilegati a mano, Teiera è cresciuta nella direzione di pubblicazioni antologiche e collettive. 
Le antologie Foto di Gruppo (2010), Ten Steps Until Nothing (2011) e Ten Steps In The City (2013) hanno raccolto storie a fumetti e illustrate da autori italiani e internazionali. Nel 2012, grazie a un progetto di crowdfunding è nato Pick-A-Land, il primo libro per bambini illustrato dall’etichetta. 
Oltre alle antologie, Teiera ha creato la collezione Infusi, che raccoglie storie a fumetti e illustrate unite da un tema comune: ogni numero è legato a una parola che ha come iniziale una lettera dell’alfabeto. 
Nel corso degli anni Teiera ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il premio Gran Guinigi come miglior realtà di autoproduzione durante Lucca Comics and Games 2012 e nel 2014 la Golden Medal nella Comic and Cartoon Art Competition della Society of Illustrators di New York.





3. Nuovi formati per il fumetto

L’edizione 2014 del Festival non mancherà, come in passato, di sperimentare nuovi modi attraverso cui presentare l’opera di alcuni disegnatori. Progetti speciali, installazioni, performance caratterizzeranno una possibilità differente di fruire il Festival.

MONARCH

21 E 22 NOVEMBRE ~ h 19-21
28 E 29 NOVEMBRE ~ h 19-21 (REPLICA)
Maison 22
Ingresso da via Volturno incrocio Via Dè Corighi
Durata 10 minuti circa. Gruppi di max 7 persone*
A cura di #logosedizioni
Con la collaborazione di Maison 22

* Dopo la visita gli spettatori potranno salire verso il bianco della Maison Ventidue per un aperitivo con l’artista e proiezione di diapositive.
Max 32 persone a serata solo venerdì 21 e sabato 22 novembre dalle ore 19 in poi. Prenotazione obbligatoria scrivendo a illustrati@logos.info.




Un'esperienza espositivo-performativa è Monarch, progetto firmato da AkaB, a cura di #logosedizioni: un percorso percettivo per piccoli gruppi di spettatori ricrea le atmosfere dell'omonimo libro, che indaga il rapporto opposto e complementare tra vittima e carnefice, attraverso immagini e suoni che si fanno eco nell'umida cantina di un vecchio palazzo del centro di Bologna.





Nel buio inquietante della cantina di un vecchio palazzo del centro di Bologna, AkaB apre le porte alle pagine di Monarch (#logosedizioni) ricreandone l’atmosfera narrativo-psicologica. Voci, immagini, buio e umidità saranno le componenti di questa esperienza non consigliata a claustrofobici e acluofobici.








Somewhere over the rainbow

way up high

there’s a land that I heard of

once in a lullaby

(E.Y. Harburg)

Monarch (#logosedizioni) è il nome di una farfalla che compie lunghe migrazioni attraverso diverse generazioni, ma è anche un metodo per lo studio del comportamento mentale utilizzato dai servizi segreti per esercitare controllo psicologico. Attraverso terribili visioni di orrore e tortura fisica e psicologica AkaB ci svela alcune profonde dinamiche umane, accompagnandoci in un viaggio dal quale non si può che uscire cambiati. Un libro palindromo, con due versi di lettura, che indaga attraverso parole e disegni il rapporto opposto e complementare tra vittima e carnefice.
30 metodi per diventare schiavi.
30 metodi per tornare liberi.






AkaB nasce a Milano nel 1976. La sua passione per il segno nasce con la pittura e trova sbocco nel fumetto; è uno dei fondatori dello Shok Studio, per il quale ha lavorato sulla miniserie Morgue. Ha collaborato con le principali case editrici statunitensi: Marvel, Dark Horse, DC Comics. La sua sperimentazione lo porta verso il cinema, e dopo una lunga serie di cortometraggi, animazione classica e in flash, nel 2003 esce Mattatoio, lungometraggio da lui scritto e diretto, selezionato per la 60a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, a cui fa seguito Il corpo di Cristo e Vita e opere di un Santo. Espone i suoi lavori in numerose mostre e pubblica diversi libri con varie case editrici  tra le quali ABE, Bd, GRRRzetic. Dal 2010 è membro del collettivo Dummy. 
Per #logosedizioni ha pubblicato oltre a Monarch anche Come un piccolo olocausto e Un uomo mascherato

#MONARCH il gioco da martedì 18 a venerdì 21 novembre 2014 a Bologna

CERCA il #santinomonarch, da martedì 18 novembre in 18 punti di Bologna. 

In ogni luogo (lista in fondo), troverete un santino diverso.
18santini, 18icone. 18frasi. 18riflessioni. 18preghiere. 18frammenti.
18 INVITI A VISITARE LA MOSTRA MONARCH di Akab Blind organizzata da #logosedizioniin collaborazione con Bilbolbul e Maison Ventidue.
Il DICIOTTESIMO SANTINO, sarà distribuito venerdì 21 novembre in via Volturno incrocio via Dè Corighi, all'ingresso della mostra, alle ore 19.

Al primo che si presenterà il 21 novembre in via Volturno incrocio via Dè Corighi alle ore 19 con i DICIASSETTE SANTINI riceverà un MERITATO PREMIO:https://www.facebook.com/ILLUSTRATI.logos/photos/a.10152870483641591.1073741954.234296331590/10152876642721591/?type=1&theater

Chi invece non ha voglia di sudare potrà acquistarli sempre il 21 alle ore 19 all'ingresso della mostra, ma niente premio.


I LUOGHI SACRI:

SQUADRO STAMPERIA D'ARTE 
via Nazario Sauro, 27

ZOO
strada Maggiore, 50/A

LES LIBELLULES
via San Vitale, 36

Il GIARDINO DELLE CAMELIE
via San Vitale, 7

MODO INFOSHOP
via Mascarella, 24b

CORRAINI MAMBO BOOK SHOP
via Don Minzoni, 14

IGOR LIBRERIA
via San Petronio Vecchio, 3

IL LEONARDO LIBRERIA
via Guerrazzi, 20

GIANNINO STOPPANI LIBRERIA
Via Rizzoli, 1

FELTRINELLI RAVEGNANA LIBRERIA
piazza Ravegnana

IBS LIBRERIA
via Rizzoli, 18

TRAME LIBRERIA
via Goito, 3c

UBIK IRNERIO LIBRERIA
via Irnerio, 27

LIBRACCIO OUTLET LIBRERIA
via Guglielmo Oberdan, 7

ALESSANDRO FUMETTERIA
via del Borgo di San Pietro, 138ab-140abc

PANINI STORE
via Alfredo Testoni, 5

ONO ARTE CONTEMPORANEA
via Santa Margherita, 10



Prosegue poi BILBOLBUL ROOMS, storica collaborazione tra BilBOlbul e Al Cappello Rosso Albergo in Bologna dal 1375. 
Come nelle passate edizioni del festival, quest’anno un’artista penserà a un progetto ad hoc per una stanza dell’albergo, arricchendone la collezione di camere a tema. Dopo le interpretazioni di Blexbolex, Liniers, Ruppert & Mulot e Alessandro Baronciani, quest’anno il pennello passa ad Anna Deflorian.


MOSTRA
DEFLORIAN DELUXE
AL CAPPELLO ROSSO, ALBERGO IN BOLOGNA DAL 1375
Inaugurazione con l’autrice 23 novembre ~ h 19.30
In collaborazione con Al Cappello Rosso, Albergo in Bologna dal 1375


In questa ottava edizione tocca ad ANNA DEFLORIAN, giovanissima disegnatrice, allestire la stanza 304 dell’hotel con intrecci di texture grafiche, colori acidi, capelli rosa e cieli infuocati.
Giovane fumettista e illustratrice italiana, la Deflorian fonde nelle sue opere una spiccata attenzione per gli intrecci di diverse texture grafiche, il gusto per i colori acidi e la narrazione di vite insieme quotidiane e incongrue, spesso di giovani adolescenti o poco più.Bambole di porcellana di provenienza aliena, dee guerriere dalla mascella volitiva, magliette alla moda, capelli rosa e cieli infuocati, tutto questo avrà l’occasione di essere riversato dalla fervida immaginazione di Deflorian sulle pareti di una stanza, che sarà poi negli anni visitata da ospiti sempre nuovi.


Anna Deflorian è nata a Trento nel 1985. Ha pubblicato su riviste italiane e internazionali come "Canicola", "Kuš!", "Kuti", "Sans Soleil". Nel 2013 pubblica "Roghi" per Canicola. Il suo lavoro è stato esposto in gallerie e festival internazionali a Lucerna, Amburgo, Angoulême, San Francisco.




TRE PROGETTI GIOCANO SUL LEGAME FRA IMMAGINE E MUSICA

MOSTRE

GUARDA CHE MUSICA!


21 NOVEMBRE ~ 30 NOVEMBRE
ONO ARTE CONTEMPORANEA
Inaugurazione 22 novembre ~ h 18.30
In collaborazione con Scuola Popolare di Musica Ivan Illich


GUARDA CHE MUSICA! nasce in collaborazione con il laboratorio di improvvisazione musicale condotto da Nicola Guazzaloca alla Scuola Popolare di musica Ivan Illich di Bologna.

Si parte da un “leporello”, libretto a fisarmonica, realizzato da ALESSANDRO SANNA e poi riletto dalle note di un gruppo di musicisti non professionisti secondo il metodo di interpretazione collettiva dello “spartito grafico”. 

Le note sono state poi affidate a sei giovani illustratori (FABIO TONETTO, ELENA GUIDOLIN, LUCA di SCIULLO, DAVIDE DE ROSA, MICHELE BENINCASA e MARIAVITTORIA MURACE) che a loro volta le hanno ridisegnate producendo un leporello ciascuno.









MANUELE FIOR e STEFANO RICCI si cimentano in Il Battello Brillo, una performance di disegno dal vivo a quattro mani sulle note di Eddy Vaccaro, disegnatore francese e chitarrista per l’occasione (20 novembre, Ateliersì h.21.30 - PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA).


STEFANO RICCI sarà protagonista anche di una seconda performance – incontro. Al Cinema Lumière (domenica 23 novembre h.18) sarà proiettato il documentario Eccoli! di Stefano Ricci e Jacopo Quadri, che dal materiale girato durante le sedute di musicoterapia all’ospedale di Gorizia evocherà gli anni rivoluzionari e belli di Franco Basaglia. Alla proiezione seguirà una performance ipnotica composta da segni, suoni e parole, in cui i testi letti dalla voce di Stefano Ricci e mixati da Ennio Fresco (fondatore di Squadro stamperia galleria d’arte) accompagneranno il disegno dal vivo dell’artista.


TINALS, THIS IS NOT A LOVE SONG (22 novembre – 21 dicembre, Lortica, inaugurazione 22 novembre h.20.30) è una selezione di autori della scena italiana - come MARINO NERI, BIANCA BAGNARELLI, MP5, VIRGINIA MORI e molti altri – e di altrettante canzoni d’amore, da reinterpretare per immagini o stravolgere. Tutto questo su un oggetto vintage, la musicassetta, riportata in vita come supporto fisico ormai diventato oggetto di culto per nostalgici feticisti. 

Il progetto TINALS fornirà anche l'occasione di festeggiare il Festival sabato 22 novembre alle ore 22.30 presso il Locomotiv Club, con un concerto dei Fast Animals Slow Kids e a seguire dj set di Chiara Fuzzi e Alessandro Baronciani. In collaborazione con New Monkey Press Records.

Un altro oggetto di culto è al centro del progetto dello sticker-magazine tedesco “Klebstoff” (www.stickermag.com), che realizzerà un inedito catalogo di BilBOLbul KLEBSTOFF N. 8/BBB14, 44 pagine per raccontare le mostre principali di quest’anno attraverso adesivi pensati ad hoc dagli artisti ospitati dal Festival e da alcuni artisti del collettivo, che potranno essere riattaccati ovunque (per saperne di più leggete qui - FRIZZIFRIZZI, mediapartner di BBB2014)
Il catalogo raccoglie anche i tre fumetti del cuore di ogni disegnatore, quelli che porterebbero con sé in capo al mondo (in mostra nei giorni del festival presso Alce Nero –Berberè). In vendita nei principali luoghi del Festival

In Salaborsa invece MASSIMO GIACON e TIZIANO SCARPA (23 novembre, h 16.30) si incontrano per narrare le voci degli oggetti che ci circondano, le presenze silenziose del quotidiano, in un racconto ad alta voce accompagnato dalle immagini create dal vivo, il tutto ispirato dalla storia di Alfio, personaggio che riesce a sentire i pensieri delle cose e protagonista del graphic novel Il mondo così com’è (Rizzoli Lizard).

A documentare e raccontare questa speciale edizione 2014 arriva il progetto #lecittàhannogliocchi, per realizzare il quale il collettivo di narrazione visiva LeleMarcojanni registrerà storie che lasceranno affiorare il rapporto che unisce la città e il fumetto, svelando un modo diverso di guardare Bologna e raccontarla attraverso le tracce e i segni lasciati dagli artisti. #lecittàhannogliocchi diventerà poi un percorso site-specific di proiezioni ospitate in città nel corso del 2015.

Il cibo invece è il filo rosso che segna la collaborazione con il Mercato di Mezzo - Coop, location per una “presentazione con ricettario di famiglia”. 

È L’eredità di SQUAZ, libro edito da Grrrz Comic Art Books, che sarà presentato nella cornice del Mercato di Mezzo, domenica 23 novembre alle ore 12. Nel fumetto viene raccontata una vicenda macabra condita di improvvise rivelazioni, brucianti confessioni e melodrammatici colpi di scena in cui la cucina diventa il sottotesto per raccontare una storia di famiglia. Alle chiacchiere con l’autore si intreccerà un piccolo aperitivo ispirato alle ricette del libro e un brindisi con il pubblico.


UNA SERA IN SAN VITALE

Non poteva mancare una serata speciale, venerdì 21 novembre, durante la quale si potrà passeggiare fra le vie del quartiere San Vitale per scoprire i luoghi e gli artisti delle mostre che per l’occasione resteranno aperte fino alle ore 23: ELISA TALENTINO, CANICOLA GERMANIA, JOSEPHIN RITSCHEL, ANNE VAGT, MAX DE RADIGUÈS E CHARLES FORSMAN, AKAB, ROMAN MURADOV.

LA PROMOZIONE DEI GIOVANI ARTISTI

MOSTRA

DERIVA
PREMIO COOP FOR WORDS 2014


21 NOVEMBRE ~ 7 DICEMBRE
RAM HOTEL
Inaugurazione 20 novembre ~ h 20.30
A cura di Ram Hotel
In collaborazione con COOP Adriatica, Librerie.Coop e Chiarelettere


Presso Studio Ram sarà allestita la mostra Deriva  che presenta il lavoro della vincitrice di COOP FOR WORDS, SERENA SCHINAIA. Per la prima volta il concorso premia il vincitore con una mostra personale, una borsa di studio e una pubblicazione per Chiarelettere. La mostra sarà l’occasione per inoltrarsi in un mondo di personaggi ai margini, in un mondo scabro e duro, dove l’esilio è la condizione permanente dell’identità. 

Personaggi senza identità indagano un mondo di fronte al quale domina un senso di estraneità e smarrimento. Gesti stentati, paesaggi e figure sconosciute si susseguono in un contesto soggetto a una continua e inarrestabile metamorfosi. Una raccolta di materiali che esplorano l’indesiderato e il rimosso, schegge di racconti mai risolti, inevitabilmente in bilico. Uno scenario mediterraneo fatto di luce accecante e una natura nera e difficile da tenere a bada. Segni dispersi, alla continua ricerca di un ritorno a casa che non sarà più possibile.

Il percorso espositivo prevede l’allestimento di un ambiente composito. A una selezione di tavole originali più recenti, verranno accostati disegni di grande formato e interventi su parete.

Serena Schinaia nata a Taranto nel 1986 e vive e lavoro a Roma. Ha studiato a Bologna dove ha conseguito una laurea triennale in Filosofia Estetica e frequentato l’Accademia Drosselmeier, centro studi di letteratura per ragazzi. Sempre a Bologna si è diplomata in Linguaggi del fumetto presso l’Accademia di Belle Arti. Nel 2012 ha vinto il Premio Reportage del concorso Reality Draws, in seguito al quale ha affiancato il Gruppo Ponte Radio per un progetto di reportage a fumetti in Palestina. Nel 2010 ha scritto e prodotto un cortometraggio sperimentale dalla struttura bifronte, 7 A RITROSO SORTIRA’ 7, selezionato e premiato in diversi festival nazionali. Suo è il proscenio del romanzo IL SACRIFICIO DI ÉVA IZSÁK di Januaria Piromallo pubblicato da Chiarelettere (2014). 






MOSTRA

PRIME VISIONI

21 ~ 25 NOVEMBRE
ACCADEMIA DI BELLE ARTI - AULA MAGNA
Inaugurazione 21 novembre ~ h12.30
A cura di Accademia di Belle Arti di Bologna

Dopo la mostra collettiva che lo scorso anno celebrava il suo decennale di vita, la Scuola di Fumetto e Illustrazione dell’Accademia di Belle Arti di Bologna propone per BilBOlbul una selezione più ridotta di autori. In Prime visioni saranno esposte le tavole di Vincenzo Bizzarri, Lorenza De Luca, Elena Guidolin, Mattia Moro, tratte da lavori che, nati come tesi di laurea, vengono mostrati al pubblico in quanto opere pienamente mature. Uno degli obiettivi espliciti dell’esposizione è infatti quello di farsi segnale concreto e ponte ideale tra un percorso di formazione artistica all’interno di un istituzione come l’Accademia e l’inizio di una nuova relazione con il mondo esterno, con il mercato editoriale italiano e internazionale. 

Siamo convinti che le quattro storie presentate siano in grado di affermarsi per la forte identità della proposta, cosa che le accomuna pur essendo assai diversificate per stili e tematiche: Il paese dei tre santi di Vincenzo Bizzarri, con i testi di Stefano Nardella, si muove tra il tragico e il grottesco nella rappresentazione di tre destini inevitabili e di tre esistenze alla deriva nella provincia foggiana; Anning di Lorenza De Luca è invece la biografia, talmente eccezionale da sopportare benissimo incursioni nel fantastico, di Mary Anning, la più misconosciuta tra i fondatori della paleontologia ai primi dell’Ottocento; Per voce muta di Elena Guidolin, con la durezza del contrasto tra bianco e nero, è rappresentazione, in senso anche teatrale, della violenza e della marginalizzazione che inevitabilmente si impone nelle relazioni umane; Fuori di Mattia Moro infine mette in scena il percorso di formazione di quattro ragazzini in bilico tra il gusto ancora infantile per l’avventura e la rassegnazione adulta, tra le cadenze di certi racconti e film americani e la provincia abruzzese. 

Per maggiori informazioni: Linguaggi del fumetto








MOSTRA

IL SUONO DEL SILENZIO
21 - 29 NOVEMBRE
BIBLIOTECA SALABORSA - AUDITORIUM
Premiazione e incontro 21 novembre ~ h10.30
A cura di Flashfumetto - Progetto Giovani del Comune di Bologna Associazione Yoda


Sempre per i talenti emergenti, FLASHFUMETTO, il portale del Comune di Bologna dedicato alla nona arte, rinnova l’appuntamento con il concorso per giovani autori sotto i 35 anni, impegnati a raccontare una storia con il solo uso del disegno ne IL SUONO DEL SILENZIO. 
Come l’anno scorso il concorso prevede due sezioni, “Flashfumetto” e “Yoda”, con un tema comune, ma alcune importanti varianti nei requisiti per la partecipazione e un diverso sistema premiante.
I migliori elaborati di entrambe le sezioni verranno esposti durante BilBOlbul e saranno pubblicati in un catalogo.



MOSTRA

COMICS FOR EQUALITY

14 NOVEMBRE ~ 24 NOVEMBRE (Preview)
FISH'N'ROLL BAR

25 NOVEMBRE ~ 14 DICEMBRE
SALABORSA, PIAZZA COPERTA
A cura di Africa e Mediterraneo



I funghi rilasciano spore nell’aria in un processo conosciuto come sporulazione. Le spore attecchiscono nel loro ambiente ideale e cominciano a produrre il micelio sotto il terreno. La nascita del micelio produce un fungo giovane e molto piccolo coperto da una struttura chiamata velo universale. I funghi rompono questo velo e crescono più alti e grandi. Il fungo La società adulta produce spore stereotipi e il processo comincia di nuovo.

Sono cresciuta confusa sulla mia identità. Mi ci è voluto un po’ per capire che il mio aspetto fisico non definisce chi sono o il luogo cui appartengo. Potrei essere cilena o portoghese se volessi. Ciò che fa una nazione sono le persone che ci vivono, a prescindere da dove vengono.



Amanda BaezaI bambini rivelano ciò che gli adulti nascondono

Un giorno il Sig. Nero arrivò a Blueland. Blueland era un paese piccolo e bello, con una splendida campagna e città accoglienti. La gente era sorridente e cordiale, e la sua lingua melodiosa e blu. Il Sig. Nero si rese conto che questo era il luogo dove voleva vivere per sempre! Ma come fare? I giorni si trasformarono in settimane, le settimane in mesi… i mesi in anni.
“Congratulazioni, Sig. Nero! Alla fine, è diventato completamente Blu!” disse il Ministro. Anche se, dopo lunghi anni d’attesa, il sig. Nero si sentiva certamente già Blu…

Dmitry YagodinCome il Sig. Nero diventò Blu

Ciò che vedrete in questa mostra è un racconto intenso dell’Europa che cambia, cresce e soprattutto si muove. Gli autori vogliono parlarvi di qualcosa che hanno vissuto in prima persona: la migrazione.
Le storie, raccolte come parte del primo “Premio Europeo Comics for Equality per il Miglior Fumetto inedito di Artisti Migranti”, narrano i mille modi in cui si può concretizzare la migrazione e ci fanno scoprire ciò che gli autori o i loro genitori hanno perso, (ri)trovato o stanno costruendo.
In tre sezioni: Stereotipi, Storie di Migrazione, e Lotta contro il Razzismo, verrà presentata la selezione dei fumetti più apprezzati del Premio. Una sezione speciale presenterà i migliori lavori realizzati dai ragazzi che hanno partecipato ai laboratori di fumetto in Bulgaria, Romania, Lettonia, Estonia e Italia.



ComiX4=COMICS FOR EQUALITY: la mostra, a cura di Africa e Mediterraneo  nasce da un progetto finanziato dall'UE per incoraggiare il dialogo interculturale e raccoglie storie che raccontano i modi in cui si concretizza la Migrazione. Il Progetto ComiX4= Comics for Equality è condotto da Africa e Mediterraneo (Italia) in partnership con Mondo ONG (Estonia), il Workshop per la Fondazione Iniziative Civiche (Bulgaria), ARCA (Romania), Grafiskie stasti (Lettonia) e i partner associati dell'Associazione culturale Hamelin (Italia) e Multikulti Collective (Bulgaria). Il progetto ha vinto l’Intercultural Innovation Award 2014, una partnership tra United Nations Alliance of Civilisations e il Gruppo BMW (interculturalinnovation.org).





BILBOLBUL RAGAZZI

BilBOlbul Ragazzi rimane una costante importante nella programmazione del Festival, che continua a puntare sulla formazione di giovani lettori.

La novità di questa edizione è la presentazione da parte di Hamelin e della Cineteca di Bologna di un nuovo spazio dedicato e pensato interamente per i bambini, ImmaginAzioni, un “polo permanente di educazione alle immagini”. Un luogo dove creare, sperimentare, giocare e incontrare autori e animatori durante workshop e laboratori.


IMMAGINAZIONI

Per la prima volta la Cineteca di Bologna e BilBOlbul presentano il nuovo spazio interamente dedicato ai bambini, a loro misura: ImmaginAzioni, un polo di educazione alle immagini permanente. Uno spazio allestito e pensato per i più piccoli, dove potranno sperimentare, vedere e giocare con le immagini fisse e in movimento. Un luogo dove i bambini incontreranno autori, illustratori, animatori che racconteranno il loro lavoro, realizzeranno workshop e laboratori. Durante e dopo il festival in ImmAginazioni si potrà leggere, giocare, creare e immergersi nel mondo delle storie a fumetti. Inaugura lo spazio una retrospettiva dedicata a Anna e Froga, spassoso fumetto per bambini creato da ANOUK RICARD.








L’opera di Anouk Ricard è ancora inedita in Italia: in occasione dell’ottava edizione del festival si stanno creando le condizioni per tradurre e pubblicare alcune delle storie di Anna e Froga, così da nutrire il panorama di fumetti per bambine e bambini in Italia, che oggi necessita di arricchirsi per poter appassionare anche i più piccoli al linguaggio del fumetto.

Anna e Froga, la serie di Anouk Ricard su cui verterà l’esposizione in Cineteca, sono una bambina e una rana, assieme a un gruppetto di amici, il lombrico Christophe, il cane Bubu, il gatto René; nelle storie che Anouk Ricard inventa si raccontano le loro peripezie quotidiane. La Ricard mette in scena le piccole cose di tutti i giorni scegliendo un punto di vista preciso, quello del bambino, calandosi perfettamente nelle sue passioni, nei suoi desideri, nella noia da cui nascono le più incredibili scoperte, nei problemi giganteschi di cui la vita di chi è piccolo è costellata. Attraverso un’ironia bambina, Anouk Ricard restituisce una visione d’infanzia in cui sono le bambine e i bambini a “gestirsi” da soli, in tutta naturalezza; gli adulti non appaiono quasi mai, perché poco interessanti nel panorama visivo di questi “cuccioli”. Ci sono però il divano con la tivù, i giochi di quando fuori piove, i picnic e i litigi fra gli amici, in una esilarante e mai monotona vita di tutti i giorni.

Il segno minimale della Ricard è la compiuta sintesi di influenze diverse: irresistibilmente naif al primo impatto e impeccabile nell’equilibrio visivo, si rivela nella lettura capace di esprimere una grande varietà di situazioni e sentimenti. Una ricchezza espressiva che permette all’autrice di mantenere lo stesso stile di disegno sia nelle sue storie per bambini che in quelle per adulti.


Anouk Ricard è una delle autrici francesi più amate e innovative della sua generazione. Ha fatto parte, fin dalla sua creazione nel 2004, della redazione della rivista Capsule Cosmique, tentativo di rilanciare la rivista per bambini in Francia con grande successo di critica e di pubblico (la rivista è riuscita in poco tempo ad arrivare a quasi tredicimila abbonati). Dal 2007 pubblica per Sarbacane la serie Anna et Froga, nominata due volte nella selezione ufficiale del Festival di Angoulême, mentre nel 2010 pubblica con Gallimard Patti et les fourmis, avventura di una bambina che diventa piccola come una formica.







MOSTRA

ANNA E FROGA

21 NOVEMBRE ~ 30 GENNAIO
CINETECA DI BOLOGNA
Inaugurazione 23 novembre ~ h17
Con il sostegno di Comune di Bologna - Gabinetto del Sindaco, U.I. Pari Opportunità e Tutela delle Differenze; Provincia di Bologna e Salaborsa Ragazzi
In collaborazione con Alliance Française Bologne, Schermi e Lavagne, Papermoon








MOSTRA IN CITTA’
Anouk Ricard
ULTIMA A DIRE IL GIOCO. LE BAMBINE E I BAMBINI DI ANOUK RICARD
21 novembre – 30 gennaio 2015
Biblioteca Salaborsa Ragazzi

Nella Settimana dei Diritti delle bambine e dei bambini 2014, in occasione della mostra, verrà distribuita gratuitamente una pubblicazione, che presenterà una storia di Anna e Froga, inedita in Italia.







PROIEZIONI E LABORATORI

Venerdì 21 novembre 
H 16 alle 18.30 / Cineteca di Bologna
ANIMIAMO ANNA E FROGA
A cura di Associazione Paper Moon e Schermi e Lavagne
Laboratorio di sperimentazione in stop motion a partire dai personaggi di Anouk Ricard. 

Sabato 22 novembre 
H10.30 / Biblioteca Salaborsa Ragazzi
Laboratorio (5 - 7 anni)
BIM BUM BAM
a cura de I FRATELLI DEL CIELO
Come inventare e disegnare nuovi personaggi per le proprie storie a fumetti con una guida d’eccezione: i Fratelli del cielo e il loro estro creativo.

H11 / Cineteca di Bologna
Laboratorio (7-9 anni)
LEPORELLO ALL TOGETHER!
con Rita Petruccioli, a cura di Inuit
Il laboratorio è finalizzato alla creazione di un libro collettivo,realizzato artigianalmente e stampato in due colori con la tecnica ecologica Risograph. Il lavoro proposto ai partecipanti partirà da una riflessione sul tema del mutamento, e si comincerà con personaggi inventati e disegnati dai bambini. Ogni bambino disegna un personaggio, dopodiché in collaborazione con i compagni lo trasforma. In questo modo, i partecipante seguono la crescita di un progetto che da individuale si fa comune. Infine, durante il processo di stampa meccanica, si realizza il passaggio da progetto a oggetto libro. Ogni bambino porterà a casa il leporello da lui realizzato, stampato con inchiostri di soia e firmato.

H16 / Cinema Lumière
Proiezione (DAI 13 ANNI IN SU)
SCOTT PILGRIM VS THE WORLD
Schermi e Lavagne

H16 / Biblioteca Salaborsa Ragazzi
Laboratorio (6-9 anni)
ULTIMA A DIRE IL GIOCO
a cura di Laura Rizzati
con la presenza dell’autrice
I bambini potranno immergersi nel “mondo bambino” di Anouk Ricard. Un mondo da cui gli adulti sono esclusi, ma dove ci sono il divano con la tivù, i giochi di quando fuori piove, i picnic e i litigi fra amici. Alla fine del laboratorio, Anouk Ricard firmerà i libri.

H17.30 / Cineteca di Bologna
Laboratorio (dai 7 anni)
FISARMONICHE DI CARTA
con Icinori
I bambini sono guidati a raccontare la loro storia per immagini e realizzano un vero e proprio libro leporello grazie alla stampante risograph.

23 novembre
H10.30 / Libreria Trame
Laboratorio (8-12 anni)
È SUCCESSO CHE…
La mia vita a fumetti
con Zosia Dzierzawska
in collaborazione con Topipittori
L'obiettivo del laboratorio è quello di sviluppare le capacità di narrazione dei bambini attraverso la forma del fumetto. Traendo ispirazione dalla vita quotidiana, i bambini impareranno come progettare e disegnare un racconto autobiografico in modo divertente. Durante il laboratorio esploreremo anche il concetto di tempo (passato / presente, ieri / un anno fa / 100 anni fa) ed i diversi modi in cui può essere espresso nei fumetti.

H11.30 / Cineteca di Bologna
Laboratorio (7-9 anni)
E SE FOSSI UN CANE ?
con Anouk Ricard
Anouk Ricard, grande esperta di animali antropomorfi e autrice di Anna e Froga, insegnerà ai bambini a fare il loro autoritratto in sembianze animale.

H16 / Cinema Lumière
Proiezione (DAI 6 ANNI IN SU)
ZIP, ZAP E LA BANDA DI MARMO
Schermi e Lavagne
anteprima, versione originale con sottotitoli italiani

H17 / Cineteca di Bologna
INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA ANNA E FROGA E MERENDA
con Anouk Ricard
la merenda è offerta da Azienda Agricola Billi Pier Luigi e dal Forno Calzolari


L'attività di BBB Ragazzi si rivolge anche agli adolescenti e alle scuole: il Festival organizza incontri con gli autori e VISITE GUIDATE per permettere a classi non solo di Bologna di scoprire e approfondire il linguaggio fumetto in ogni suo aspetto, dalla lettura delle opere al dialogo con l’autore.


BBB OFF

Anche in questa nuova edizione il Festival ha invitato giovani autori e curatori a mandare le proprie proposte espositive per la programmazione di mostre e eventi off. Una programmazione che racconta la vivacità di un tessuto e di un contesto attivi, attenti all’apertura verso altri linguaggi, della sperimentazione, della creatività, e che costituisce un grande arricchimento per BilBOlbul

Collettivi di autoproduzione (come LA TRAMA, CANEMARCIO, LOK ZINE), progetti che attraversano le diverse identità del disegno (Elisa Muliere, Studio Pilar) o i confini fra linguaggi (Video Animazioni vive, Performing Gender, Vanna Vinci e Sandra Sisofo) e molti altri ancora. 

La maggior parte delle mostre del programma Off inaugureranno dal 14 al 20 novembre.

DEDICHE

Orari dediche Sala Borsa

Venerdì 21 Novembre

H15
Manuele Fior (fino alle 16)
Stefano Ricci
Charles Forsman e Max de Radigués
Fabio Visintin (dalle 15.30)
Alessandro Baronciani
Lise e Talami

H16.30
Icinori
Anna Deflorian
Anouk Ricard
Silvia Rocchi
Viola Niccolai

H18
Teiera (Sarah Mazzetti, Giulia Sagramola, Cristina Spanò)
Tuono Pettinato
Volker Pfueller
Anke Feuchtenberger
Matteo Farinella



Sabato 22 Novembre

H11

Stefano Ricci
Charles Forsman e Max de Radiguéz
Alessandro Tota
Dr Pira
Michelangelo Setola
Eddy Vaccaro
Emanuele Rosso

H12.30
Anouk Ricard
Tuono Pettinato
Teiera(Sarah Mazzetti, Giulia Sagramola, Cristina Spanò)
Lucia Biagi
Ratigher

H14.30
Paper Resistance
James Kalinda
Scarful
Nicolò Pellizzon
Spugna
AkaB
Olimpia Zagnoli
Vittorio Giardino

H16
Anne Vagt e Josephin Ritschel
Volker Pfueller
Anke Feuchtenberger
Andrea Bruno
David B.
Elisa Talentino
Pietro Scarnera

H17.30
Manuele Fior
Julie Maroh (dalle 18)
Bianca Bagnarelli
Andrea Settimo
Luca Genovese
Squaz
Alessandro Baronciani
Claudio Calia


Domenica 23 Novembre

H11
Manuele Fior
Julie Maroh
Serena Schinaia
Francesca Ghermandi
Marina Girardi
Matteo Farinella

H 12.30

AkaB
Andrea Bruno
David B.
Simone Cortesi
Emanuele Racca
Alessandro Baronciani

H 14.30
Roman Muradov
Massimo Giacon e Tiziano Scarpa
Paolo Bacilieri
Icinori
Elisa Talentino
Rita Petruccioli

H16
Roman Muradov
Anne Vagt e Josephin Ritschel
Elisa Muliere
Ratigher
Paolo Bacilieri




INFO

Hamelin Associazione Culturale 
www.bilbolbul.net I info@bilbolbul.net | 051 233401
http://www.bilbolbul.net/blog/
UFFICIO STAMPA Francesca Santoro_Lolaville

INFORMAZIONI TECNICHE
Il Centro del Festival è Biblioteca Salaborsa, che accoglie l’infopoint, il bookshop e lo spazio dediche. Gli autori, ospiti del festival, saranno disponibili per le dediche nei giorni 21, 22 e 23 novembre. Il calendario delle dediche viene aggiornato online su www.bilbolbul.net.

Nella Piazza Coperta di Biblioteca Salaborsa domenica 23 novembre a partire dalle 14.30 sarà ospitata BilBOlZine: alcune delle più interessanti realtà internazionali di self publishing, selezionate dal festival, vendono le proprie produzioni al pubblico.

INFOPOINT E ACCREDITI BIBLIOTECA SALABORSA - PIAZZA COPERTA: giovedì 20 / venerdì 21 novembre ore 10-20 – sabato 22 novembre ore 10-19 - domenica 23 novembre ore 10.30-19.

BBB 2014 RAGAZZI
ImmaginAzioni: La sala espositiva della Cineteca di Bologna si trasforma in uno spazio interamente dedicato ai bambini, che durante e dopo il festival possono leggere, giocare, creare e immergersi nel mondo delle storie a fumetti.

PER LE SCUOLE
Per le scuole materne e primarie vengono organizzate visite guidate alla mostra

INFO E ISCRIZIONI
051 233401- Ilaria.conni@hamelin.net

CINETECA-IMMAGINAZIONI
Via Riva Reno 72
LUN-VEN h 9-13/14-17
GI 20 e VE 21 NOVEMBRE h 9-19
SA 22 e DO 23 h 10-19



CARTA AMICI DEL FESTIVAL


La Carta amici del festival offre una serie di agevolazioni e promozioni speciali. 

Si può acquistare a 5 euro dal 20 al 23 novembre presso l’infopoint in Biblioteca Salaborsa e la sua validità è limitata alle giornate del Festival.



Sostieni il festival acquistando:
carta con shopper (9 euro),
carta con shopper e cahier (11 euro),
carta con shopper e Klebstoff n. 8/BBB14 (20 euro)

I vantaggi della carta:

MUSEI
MAMbo: ingresso ridotto a 4 euro (anziché 6 euro)
Museo di Palazzo Poggi: ingresso ridotto a 1 euro (anziché 3 euro)
Museo internazionale e Biblioteca della musica: ingresso ridotto a 3 euro (anziché 5 euro)

CINEMA LUMIÈRE / CINETECA DI BOLOGNA
ingresso ridotto a 4 euro (anziché 4,50 euro) per le proiezioni e gli incontri inseriti nel programma del festival.

BOOKSHOP DEL FESTIVAL
sconto del 10% su tutti i libri del bookshop del festival in Biblioteca Salaborsa e
CORRAINI MAMBO ARTBOOKSHOP, LIBRERIA IBS, IGOR LIBRERIA, LIBRERIA POPSTORE, LIBRERIA TRAME, LIBRERIA UBIK IRNERIO, LIBRERIA ULISSE, LIBRERIE FELTRINELLI

RISTORANTI
sconto del 10% nei ristoranti convenzionati:

ALCE NERO – BERBERÈ
CAFFETTERIA DEL SÌ
LORTICA
MERCATO DI MEZZO
OSTERIA AL CAPPELLO ROSSO
PANE E PANELLE
TWINSIDE IL BISTROT DEL CAMINETTO D’ORO
ZOO

In occasione del festival MILES propone il panino BilBOlbul

PROMOZIONE PER I CLIENTI HERA
I clienti Hera che si presenteranno con una bolletta avranno il diritto allo sconto del 50% sulla Carta Amici del festival e sulla shopper di BilBOlbul.

PROMOZIONE PER I SOCI COOP E PER GLI AMICI DELLA CINETECA
Per i possessori della carta SocioCoop e della Tessera Amici della Cineteca, la Carta amici del festival ha un costo di 4 euro o di 7 euro (con la shopper di BilBOlbul).

INGRESSI
MAMbo 6 euro intero - 4 euro ridotto
Museo di Palazzo Poggi 3 euro intero - 1 euro ridotto
Museo Internazionale e Biblioteca della Musica 5 euro intero - 3 euro ridotto
Cinema Lumière biglietto per le proiezioni e gli incontri: 4,50 euro intero - 4 euro ridotto
Locomotiv club sabato 22 novembre: 10 euro con tessera AiCs
Tutte le altre mostre e gli incontri sono a ingresso libero.


***BilBOlbul è possibile grazie al sostegno di HERA, Comune di Bologna, Regione Emilia-Romagna Assessorato alla Cultura, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Cineteca di Bologna, Istituzione Bologna Musei | MAMbo e Museo della Musica di Bologna, Istituzione Biblioteche, Biblioteca Salaborsa, Alma Mater Studiorum Università Bologna Facoltà di Lettere e Filosofia, Accademia di Belle Arti di Bologna.

1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina